Meditazione

In questa pagina troverai due proposte, il Satsang con Mauro Bergonzi e la Mindfulness con Davide Perna.

Satsang (condivisione dell’essere) con Mauro Bergonzi:

Satsang con Mauro Bergonzi su zoom:

Calendario 2022/23:

2022: 29/9 – 20/10 – 17/11 – 15/12

2023: 19/01 – 23/02 – 23/03 – 20/04 – 18/05 – 22/06

Il giovedì dalle ore 20:15 alle 22:30 – Per le iscrizioni inviare una mail a lostudiolo@spaziocorpo.it

Costi 15 euro ad incontro oppure 135 euro per i 10 incontri.

Modalità di pagamento:

con bonifico.

Ti ringrazio se puoi avvisare dell’avvenuto pagamento, riceverai il link per partecipare al satsang che si svolge in diretta online su zoom.

A seguito dell’incontro i partecipanti riceveranno il link della registrazione del satsang che sarà visionabile per i dieci giorni successivi.

Condivisione dell’essere
sat-sang con Mauro Bergonzi
Chi sono io? Che cos’è la realtà? Che cos’è la coscienza? Qual è il significato del vivere e del morire? Come sorge l’esperienza di un ‘io’ individuale?

La ‘condivisione dell’essere’ (sat-sang) è un’occasione per esplorare attraverso il dialogo e il silenzio  – nella concretezza della propria diretta esperienza aperta ad una prospettiva non dualista e non confessionale –  il misterioso ‘sguardo’ della coscienza, il ‘senso’ e il ‘nonsenso’ della meditazione e della ricerca spirituale, i limiti del pensiero concettuale e il problema dell’identità personale. 

Ma al di là dei concetti, delle parole, del silenzio e della nostra stessa presenza consapevole, in qualunque momento può trasparire una vivida risonanza dell’ Ignota Sorgente che appare come ‘mondo’, come ‘noi’ e come tutte le esperienze che chiamiamo ‘la mia vita’.

Negli incontri di ‘condivisione dell’essere’ (sat-sang) si alternano spazi meditativi, discorsi e dialoghi con i partecipanti, da intendere non come insegnamenti per raggiungere una qualche meta futura, bensì come inviti a condividere nell’immediato presente quella vivida ‘risonanza’ dell’essere in cui risplende la nostra natura più profonda e inconoscibile.

Gli incontri sono aperti a tutti.

Mauro Bergonzi ha insegnato Religioni e Filosofie dell’India e Psicologia Generale presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” ed è analista didatta del Centro Italiano di Psicologia Analitica (C.I.P.A.). Autore di saggi in campo orientalistico e psicologico, a partire dagli anni ’70 per circa tre decadi ha approfondito i percorsi meditativi di varie tradizioni orientali (vipassana, zen, rdsogs ch’en, advaita-vedanta e taoismo) con uno spirito di ricerca libero da dogmi e adesioni confessionali. Dopo una spontanea e naturale dissoluzione della ricerca spirituale e del ‘cercatore’, è rimasto soltanto un puro e radicale non-dualismo. Fondamentale in questo senso è stata la sua assidua frequentazione degli insegnamenti di Nisargadatta Maharaj, Jiddu Krishnamurti e Tony Parsons. Da diversi anni conduce gruppi di ‘condivisione dell’essere’ (sat-sang) in varie città italiane. Il suo libro Il sorriso segreto dell’essere (Mondadori 2011) presenta un panorama sintetico della comunicazione che avviene in questi incontri. Altri materiali sono reperibili sul sito: https://sites.google.com/site/ilsorrisodellessere/

Per me il sat-sang è come il cinguettio degli uccelli o la brezza primaverile: 

una semplice, spontanea espressione dell’Essere non duale che siamo.

Non è un insegnamento, una missione o un’azione in cerca di qualche risultato. 

Non c’è niente che venga dato, niente che venga preso.

Semplicemente accade. 

Accade che alcune persone si riuniscano.

Accade una condivisione da cui può emergere una risonanza dell’Essere che siamo.

Alla luce di questa risonanza, può manifestarsi il riconoscimento della non-separazione, 

un ‘vedere’ (da parte di nessuno) Ciò che è. 

Tutto qui.


Mindfulness con Davide Perna

Nella pratica della mindfulness osserviamo con attenzione – con la mente e con il cuore – l’esperienza del momento presente: i nostri pensieri, le nostre emozioni, il nostro modo di rapportarci con gli altri e in generale con il mondo esterno. Solo da questa pura osservazione può scaturire la piena consapevolezza di quei meccanismi difensivi e automatismi inconsci (legati a sensi di colpa e di inadeguatezza, pregiudizi e percezioni erronee, …) che non ci consentono di vivere pienamente e liberamente ogni istante della vita. La mindfulness non consiste dunque nell’applicazione di una serie di tecniche per ottenere un risultato particolare, bensì nel mettere noi stessi sotto la luce, per imparare da ciò che osserviamo. Con la pratica “alcune cose ci si mostrano molto più chiaramente, come la bruttezza della rabbia e la bellezza della gentilezza: così i nostri valori e le nostre priorità cambiano di conseguenza” (Ajahn Jayasāro).

Chi sono: Laureato in Fisica e con un dottorato di ricerca in Astronomia, dal 2013 affianco alla professione di ricercatore la pratica dello yoga e della meditazione: la ricerca della meraviglia, e del senso profondo di ogni cosa, concilia e accomuna il mio interesse per la natura dell’universo e per quella umana, due campi di studio apparentemente lontani eppure strettamente interconnessi. Ho frequentato numerosi corsi e ritiri residenziali in Francia e in Italia, tenuti da insegnanti di varie scuole e tradizioni, alla ricerca della mia sintesi personale. Ho in seguito conseguito il master in “Neuroscienze, Mindfulness e Pratiche Contemplative”, organizzato dall’Università di Pisa in convenzione con l’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia, formandomi come istruttore/facilitatore di pratiche di consapevolezza basate sull’integrazione dell’approccio scientifico con quello contemplativo

Per info scrivi a lostudiolo@spaziocorpo.it

Su prenotazione, il giovedì dalle 20 alle 21:30, aperto a tutti, iscrizioni aperte tutto l’anno.